Magic Photo Recovery

Programmi Blog Flash Data Recovery: Dentro La Scheda SD Parte I  

East Imperial Soft

settembre 12, 2014

Flash Data Recovery: Dentro La Scheda SD Parte I   

C’è qualcosa di unico sul modo in cui le schede SD e le Memorie Flash memorizzano e organizzano i dati. I micro-controllori incorporati e i meccanismi di livellamento non solo prolungano la durata del dispositivo di memorizzazione flash, ma possono aiutare a recuperare i dati persi. Leggete come e perché il livello di livellamento aiuta a recuperare i dati dalle schede SD e Memorie Flash in questa serie.

“Ho salvato una sessione di nozze la scorsa settimana. Spostato 1,5 GB di file sul mio computer, poi ho memorizzato un’altra sessione con circa 2 GB di file. Purtroppo, il mio computer è morto dopo un picco di potenza; il disco rigido non è più in funzione. C’è la possibilità di recuperare la prima sessione fotografica dalla scheda SD della mia fotocamera o la seconda sessione?”

Questa è stata la domanda che abbiamo ricevuto la scorsa settimana da uno dei nostri clienti. A qualcuno di voi la risposta può sembrare ovvio: ovviamente il secondo set di dati di due gigabyte ha sovrascritto la prima sessione con un gigabyte di dati! Tuttavia, quando si tratta di schede SD, la risposta è meno ovvia.

Innanzitutto, ogni scheda SD non è solo un gruppo di celle di memoria accessibili direttamente tramite i perni elettrici esposti. Le schede SD sono controllate con un piccolo micro-controllore incorporato che consente di leggere e scrivere richieste, assegnando una cella flash o un’altra per l’imminente operazione di scrittura.

Perché? Le celle flash assumono l’usura ogni volta che i dati vengono scritti. Di conseguenza, la memoria flash ha una durata limitata e dipende dal numero di cicli di scrittura. Se i dati vengono scritti più e più volte nella stessa cella flash, quella cella fallirà presto, mentre le celle vicine avranno i loro cicli di scrittura effettivi inutilizzati. Per evitare questo scenario, i produttori di supporti di memorizzazione basati su flash (in particolare SD e Compact Flash) hanno introdotto una tecnologia intelligente chiamata livellamento dell’usura.

Cosa è il livellamento usura flash

Ci sono due modi di livellamento nei dispositivi di archiviazione basati su flash. Ognuno ha i suoi pro e contro, e ognuno ha conseguenze per quanto riguarda il recupero dei dati.

Nessun livellamento

Quando i dispositivi di memorizzazione basati su flash sono entrati nel mercato, molti non avevano alcun livello di usura. Un flash drive senza usura livella le celle fisiche in modo permanente agli indirizzi logici. Di conseguenza, anche se avevi un grande dispositivo di archiviazione, scrivendo un piccolo file, eliminandolo poi scrivendo un altro piccolo file più e più volte si usavano le stesse celle di memoria. Ovviamente, in questo scenario, una memorizzazione flash senza livello di usura richiede solo tante scritture prima che le sue celle inizino a mancare. In generale, un dispositivo di archiviazione basata su flash senza alcun livello di usura non dura molto se scrive i dati in modo rapido.

Una Memoria Flash senza alcun livello di usura è più semplice e leggermente più economica da fare. È spesso utilizzata in dispositivi autonomi in cui non si prevedono troppe scritture come lettori DVD, Blu-Ray e media di rete, fotocamere digitali, dispositivi GPS e altri tipi di elettronica di consumo.

Con Livellamento

Le memorie Flash senza alcun livello di usura vengono raramente utilizzate nelle schede SD. Sebbene il livellamento dell’usura non sia ufficialmente parte della specifica SD, viene eseguita regolarmente da tutti i principali produttori di schede SD. A meno che non si acquista una memoria a batteria, le probabilità che la scheda SD abbia livellamento dell’usura siano alte.

Nelle schede SD, un microcontrollore incorporato crea e mantiene una mappa dinamica che collega le celle fisiche nella scheda SD a determinati indirizzi logici accessibili al mondo esterno (ad esempio dalla fotocamera digitale, da Windows o dal tuo cellulare).

Ogni volta che vengono scritti nuovi dati sul dispositivo, questa mappa viene aggiornata per assicurare che i dati siano scritti in una cella fisica con il minor numero di usura, mentre la cella originale è contrassegnata come sporca. Di conseguenza, le celle vuote in schede SD vengono utilizzate in modo uniforme.