Magic Partition Recovery

Programmi Blog Windows 10 Cambia Meccanismo di Recupero Dati: Più suscettibile a corruzione dei dati  

East Imperial Soft

dicembre 20, 2016

Windows 10 Cambia Meccanismo di Recupero Dati: Più suscettibile a corruzione dei dati   

C’è un’altra modifica in Windows 10 che rende il sistema più incline ai guasti mentre si tenta il recupero dei dati. Diamo un’occhiata a ciò che è cambiato nel meccanismo di ripristino di Windows 10, e come questo può influenzare la stabilità del sistema e la recuperabilità dei dati. Vedremo anche cosa si può fare per garantire un funzionamento continuo senza problemi.

Windows Recovery Partition: Il vecchio metodo

Dal momento che è nato Windows 7, le installazioni OEM Windows hanno mantenuto una partizione dedicata sul disco rigido che contiene l’installer completo di Windows. Se qualcosa va storto, questa partizione (chiamata Partizione di ripristino) poteva essere utilizzata per ripristinare il sistema allo stato funzionante.

Ma perchè mantenere una partizione di ripristino completa? Una partizione di ripristino contiene tutti i file che un installer doi Windows deve avere. Se qualcosa dovesse succedere all’installazione di Windows (ad esempio file di sistema danneggiati o eliminati o un’applicazione mal scritta che scompiglia il Registro di sistema di Windows), è possibile ripristinare facilmente il sistem, eseguendo un aggiornamento di Windows o un reset completo. I file e le impostazioni necessarie saranno semplicemente copiate dalla partizione di ripristino nella partizione di sistema principale, sovrascrivendo l’installazione difettosa di Windows con quella che funziona sicuramente.

Nei giorni di grandi dischi rigidi multi-terabyte utilizzati come partizioni di sistema avviabili, qualche gigabytes di spazio consumato dalla partizione di ripristino potrebbe facilmente passare inosservato. L’avvento di unità SSD che, anche oggi, sono molto più piccole delle loro controparti meccaniche, ha reso nuovamente considerevole la dimensione di queste partizioni di ripristino. L’avvento dei computer compressi con minima archiviazione permanente (32 GB o addirittura 16 GB) ha reso la partizione di ripristino un elemento di lusso che occupa ben il 10 per cento dello spazio di archiviazione disponibile per l’improbabile utilizzo del recupero di errori.

C’è anche un altro problema con le partizioni di ripristino. La partizione di ripristino è di solito creata una volta che l’OEM installa Windows su un dispositivo nuovo di zecca. Con il passare del tempo, la copia installata di Windows riceve più aggiornamenti tra le importanti patch di protezione. Quando si ripristina il sistema ai valori predefiniti di fabbrica, vengono cancellati tutti questi aggiornamenti e ripristinando le vecchie versioni di tutti i file di sistema completando con i loro bug e riscontrati difetti di protezione. Rispetto a dispositivi Android o iOS, questo comportamento è inaccettabile.

Da Windows 8.1, Microsoft ha tentato di affrontare il problema della partizione di ripristino facendo i file di sistema dal punto di partizione del sistema Windows ai file memorizzati nella partizione di ripristino anziché conservare le copie di tali file nella partizione di sistema. Ciò ha consentito in particolare ai produttori di utilizzare Windows 8.1 in computer ultrabook a basso costo con unità da 16 GB. Se avevi un tablet Windows con 32 GB di spazio di archiviazione, potresti notare che alcuni gigabyte di spazio libero emergono magicamente dopo l’installazione dell’aggiornamento. Pur essendo una buona idea su carta, in realtà questa tecnica era difficile da amministrare, quindi in Windows 10 Microsoft ha deciso di sbarazzarsi del tutto della partizione di ripristino.

Windows 10 Recovery: Pro e Contro

Windows 10 non utilizza più una partizione di ripristino dedicata. Il sistema però mantiene un elenco di file che sono parte dell’installazione pulita di Windows 10 e mantiene le copie dei file delle impostazioni predefinite. In modo efficace, se Windows 10 deve ripristinare il sistema operativo o eseguire un ripristino di fabbrica, utilizzerà semplicemente i file di sistema dalla copia di lavoro del sistema operativo. Windows mantiene un elenco di file che appartengono a Windows e mantiene le versioni predefinite del Registro di sistema di Windows e altre impostazioni. La cancellazione di file che non appartengono a Windows e il ripristino delle impostazioni predefinite è molto probabile.

I vantaggi di questo approccio sono evidenti. Poiché non esiste una partizione di ripristino, è possibile liberare un’area di disco considerevole (fino a 1,5-2,6 GB). Il processo di ripristino diventa molto più veloce e più facile e Windows 10 esce dopo un ripristino di fabbrica con tutti gli aggiornamenti e le patch di protezione già applicati.

C’è però un grave inconveniente. Qualora qualcosa accada a uno o più file di sistema memorizzati nella directory di sistema di Windows, il nuovo approccio di ripristino non sarà in grado di ripristinare l’ordine di funzionamento di Windows in quanto proverà a riutilizzare i file di sistema corrotti più e più volte. Certo, Windows 10 implementa misure di protezione più severe per salvaguardare i file di sistema contro il codice di terze parti, ma i settori danneggiati e la corruzione dei file system possono avvenire in modo ordinario. Essendo noi specialisti del recupero dati, abbiamo ragionevoli dubbi che il nuovo sistema operativo sia in grado di evitare la corruzione del file system o blocchi cattivi.

Per proteggere i tuoi dati, assicurati di eseguire backup regolari. Il backup dei documenti è più facile di quanto sembri: è sufficiente consentire a OneDrive (che è incorporato in Windows da Windows 8) per sincronizzare le cartelle contenenti i documenti con il sistema cloud. Questo è tutto! Avrai sempre una copia aggiornata dei file più importanti se qualcosa dovesse accadere al tuo sistema.

Se si verifica una corruzione del file system, Magic Partition Recovery ti aiuterà a ripristinare tutto senza problemi. È possibile scaricare la versione di prova da www.magicuneraser.com